Perché Etica Assicurativa?

Le imprese del terzo settore, oltre a una valenza sociale, hanno assunto una vera e propria connotazione di “impresa” economica, dove il profitto è “il benessere” dell’individuo, raggiunto con il coinvolgimento dei propri dipendenti, dei propri associati e dei volontari dell’associazione.Il contesto socio economico e giuridico in cui si trovano ad operare gli enti non profit, ha mostrato negli ultimi anni un notevole progresso di espansione, che di conseguenza comporta una maggiore esposizione ai rischi connessi allo svolgimento delle attività di utilità sociale. Da qui il passo è breve ma incisivo: nasce ETICA ASSICURATIVA.
Un progetto di risk management ideato da Carlo Giannetti, intermediario assicurativo, esperto in attività del terzo settore.
Questa nuova concezione di cultura assicurativa dice si all’assicurazione, si al trasferimento del rischio, mettendo al centro del suo sviluppo l’etica, lavorando in quattro step:

Quando Etica Assicurativa entra nell’associazione, si fa per prima cosa un’analisi dei rischi e degli eventuali danni da coprire. Al centro non si trova solamente l’individuo verso il quale l’associazione opera, ma anche il dipendente dell’impresa. Riguardo il prestante lavoro, è necessaria una verifica se sono osservate le norme del d.lgs. 81/2008, un provvedimento normativo emanato al fine di riordinare e coordinare tutte le norme in maniera di salute e di sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro. Si tiene conto anche della responsabilità civile operai, cioè i danni che il dipendente può incorrere nell’ambito dello svolgimento del lavoro con l’individuo.

Analizzati i rischi dell’associazione si procede con la proposta della polizza adatta alla copertura di tutti i danni; è una polizza di assicurazione civile generale, e si rivolge a due coperture assicurative, una rivolta ai danni a terzi, cose e persone, ed una rivolta ai danni della struttura del fabbricato. Nel caso di Etica Assicurativa, visto che l’individuo è al centro dell’impresa sociale, in prima battuta ci rivolgiamo ai danni verso la persona.

La gestione delle polizze riguarda la cura dei sinistri e l’eventuale liquidazione e risarcimento dei danni a cose e a persone.
Per Etica Assicurativa è importante mantenersi in contatto ed essere in contatto con le imprese sociali.